ATTESTATI

IN EVIDENZA

ISCRIZIONI CHIUSE

Per eventuali richieste scrivere a: segreteria@labormedical.it

L’evento è realizzato con il contributo non condizionante di 

DALLA SINDROME METABOLICA ALLE MALATTIE EPATICHE

CRS-1049

DOCENTE E RESPONSABILE SCIENTIFICO:

Dr. Bruno Paris - Gastroenterologo del reparto di Epatologia e Trapiantologia, Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo

DOCENTE:
Dr. Sergio Casati Direttore f.f. della UOC Medicina Ospedale di Cantù

CALENDARIO:

ACCREDITATO ECM dal 01/11/2020 al 31/10/2021

DIDATTICA:

Lezioni video e testuali

DURATA:

3

CREDITI ECM:

4.5

SPONSOR:

Sofar Spa

Quota di iscrizione: PARTECIPAZIONE GRATUITA

PRESENTAZIONE DEL CORSO

La sindrome metabolica (detta anche, sindrome da insulino resistenza) è caratterizzata dalla contemporanea presenza di almeno tre alterazioni metaboliche ed emodinamiche che rappresentano un fattore di rischio per l'insorgenza di malattie cardiovascolari e tumori (ad esempio tumore della mammella, della prostata, dell'ovaio, del pancreas, del fegato, del rene e persino del cervello). Si tratta di una combinazione pericolosa di alcuni fattori di rischio cardiovascolare che, correlati tra loro ed in presenza di valori del sangue anche solo leggermente fuori dalla norma, possono dare origine ad una situazione che pone ad alto rischio di infarto e di ictus ogni individuo. Per poterla diagnosticare è sufficiente basarsi sulla misurazione di alcuni semplici parametri: circonferenza vita (>102 cm uomo o >88 cm donna), pressione arteriosa (pressione sistolica ≥ 130 mmHg e diastolica ≥ 85 mmHg) colesterolo Hdl (<40 mg/dl uomo o 50 mg/dl donna), trigliceridemia: (>150 mg/dl) e glicemia (>110 mg/dl). Per la diagnosi di sindrome metabolica è necessaria la coesistenza di almeno tre fattori di rischio alterati o comunque trattati farmacologicamente. Come facile intuire, le cause sono da ricercare in una combinazione di scorrette abitudini alimentari e non (dieta e scarsa attività fisica) e predisposizione familiare (genetica). Queste cause portano all’accumulo di grasso addominale, che a sua volta ha un ruolo determinante nel favorire la combinazione dei diversi fattori di rischio. Tra questi, la resistenza all’insulina è fondamentale nell’insorgenza non solo di iperglicemia e diabete, ma anche della dislipidemia e soprattutto della steatosi epatica (fegato grasso). Il fegato grasso di origine non alcolica (NAFLD) e in particolare la steatoepatite (NASH) rappresentano oggi, almeno nel mondo occidentale, la causa più comune di malattia epatica cronica, di cirrosi e di insufficienza epatica terminale che può arrivare sino al tumore del fegato e alla morte del paziente. Si stima che nel 2030 il fegato grasso non alcolico e le sue conseguenze rappresenteranno la causa più comune di trapianto di fegato superando la cirrosi alcolica, e le malattie epatiche provocate dal virus dell’epatite B e dell’epatite C. La sindrome metabolica non si manifesta con sintomi specifici. A soffrirne, dunque, sono quasi sempre persone che affermano di sentirsi bene. La prevenzione - mantenimento del peso forma, attività fisica e dieta bilanciata - è la miglior terapia della sindrome metabolica. Per contrastarla, è necessario associare uno stile di vita attivo (almeno 30 minuti al giorno di attività di moto/esercizio aerobico di moderata intensità) a una dieta equilibrata. Nonostante la cura migliore per la sindrome metabolica sia la prevenzione, sembra infatti che non esista farmaco migliore di una dieta bilanciata abbinata ad uno stile di vita corretto, basato essenzialmente sull'aumento delle attività sportive e sulla riduzione del peso corporeo, soprattutto per i pazienti in sovrappeso. Purtroppo, la sedentarietà, la pigrizia ed il piacere del cibo sembrano essere le abitudini preferite dalla popolazione; qualora il cambiamento dello stile di vita - inteso come correzione delle abitudini alimentari e la messa in pratica di attività fisiche - non sia sufficiente per ostacolare l'insorgere della sindrome metabolica, la terapia farmacologica può costituire un ottimo ausilio: farmaci per la cura dell'ipertensione, farmaci per abbassare il colesterolo ed i trigliceridi, farmaci per ridurre la glicemia. I pazienti affetti da sindrome metabolica dovrebbero smettere di fumare e, se necessario, ridurre il peso.

DESTINATARI

Il corso è accreditato per 500 partecipanti

PROFESSIONI: Assistente sanitario, Biologo, Dietista, Educatore professionale, Farmacista, Fisioterapista, Infermiere, Infermiere pediatrico, Medico chirurgo (Allergologia ed immunologia clinica; anatomia patologica; anestesia e rianimazione; angiologia; biochimica clinica; cardiochirurgia; cardiologia; chirurgia generale; chirurgia pediatrica; chirurgia toracica; chirurgia vascolare; continuità assistenziale; cure palliative; dermatologia e venereologia; direzione medica di presidio ospedaliero; ematologia; endocrinologia; epidemiologia; farmacologia e tossicologia clinica; gastroenterologia; genetica medica; geriatria; ginecologia e ostetricia; igiene degli alimenti e della nutrizione; igiene, epidemiologia e sanità pubblica; laboratorio di genetica medica; malattie dell'apparato respiratorio; malattie infettive; malattie metaboliche e diabetologia; medicina del lavoro e sicurezza degli ambienti di lavoro; medicina dello sport; medicina di comunità; medicina e chirurgia di accettazione e di urgenza; medicina fisica e riabilitazione; medicina generale (medici di famiglia); medicina interna; medicina legale; medicina nucleare; microbiologia e virologia; nefrologia; neurochirurgia; neurofisiopatologia; neurologia; neuropsichiatria infantile; neuroradiologia; oncologia; organizzazione dei servizi sanitari di base; otorinolaringoiatria; patologia clinica (laboratorio di analisi chimico-cliniche e microbiologia); pediatria; pediatria (pediatri di libera scelta); psichiatria; psicoterapia; radiodiagnostica; radioterapia; scienza dell'alimentazione e dietetica; urologia), Psicologo, Tecnico della fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, Terapista della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva, Terapista occupazionale, Tecnico sanitario laboratorio biomedico

OBIETTIVO ECM DI RIFERIMENTO:

Ob. 30 (di processo): Epidemiologia – prevenzione e promozione della salute – diagnostica – tossicologia con acquisizione di nozioni di processo

Gli obiettivi del corso sono:

  • Approfondire le conoscenze sulla patologia della sindrome metaboliche e le sue complicanze
  • Analizzare le principali cause e gli strumenti di prevenzione
  • Analizzare le terapie più efficaci ed i rischi connessi

Lezione Video (durata: 3 ore)

1 h - Sindrome metabolica: eziologia, epidemiologia ed aspetti fisiopatologici (Dr. Sergio Casati)

50 minuti - Terapia nutrizionale ed integrativa (Dr. Sergio Casati)

50 minuti - Introduzione alla patologia epatica (Dr. Bruno Paris)

20 minuti - DIBATTITO TRA I DUE ESPERTI

Nr. 2 Dispense integrative relative alle due sessioni didattiche

Compilazione test di apprendimento

Compilazione questionario di gradimento

Si ricorda che, per il rilascio dei crediti ECM, il corso deve essere fruito al 100% entro i termini di accreditamento dell’evento, ivi compreso il superamento del test di apprendimento con almeno il 75% di risposte esatte.